Antonio Pani

antonio pani

Antonio Pani

Antonio Pani nasce a Quartu S. Elena il 6 Agosto 1962, a soli 19 anni esordisce come improvvisatore dialettale Campidanese cimentandosi con i migliori poeti del periodo, (Giovanni Broi di Iglesias, Raffaele Urru di Burcei, Enea Danese di Monserrato, Marcello Matta di Domusnovas, Antonio Maxia e pepuccio Loni di Selargius, Salvatore Mascia di Sinnai).

Tra i più richiesti nelle sagre della Sardegna, ad oggi vanta nel suo curriculum 32 anni di attività come poeta improvvisatore, con oltre 1500 gare poetiche in attivo.

Dal 1998 al 2002 è stato docente dei corsi di Poesia Campidanese presso il Comune di Quartu Sant’Elena e attualmente collabora con alcune scuole con l’intento di divulgare le tradizioni presso il mondo dei giovani.Come improvvisatore ed esperto,partecipa con delle conferenze – spettacolo a numerose iniziative culturali. Nel novembre del 2003 assieme ad altri due poeti improvvisatori, Emanuele Saba e Paolo Zedda, ha rappresentato l’Italia all’incontro mondiale di improvvisazione orale tenutosi nei Paesi Baschi al quale hanno partecipato i migliori improvvisatori del mondo, riscuotendo un enorme successo.

Parallelamente all’attività di poeta improvvisatore, ha iniziato un percorso artistico “poetico musicale”  instaurando rapporti di collaborazione con svariati artisti isolani , tra questi gli ARGIA (A. Balia, E. Frongia, M. Perra), con il quale gruppo realizza il Progetto “Bàsciu e contra”, un lavoro originale di ricerca nel quale la poesia d’improvvisazione si fonde con la musica mediterranea. Successivamente fonda il gruppo IDRAS. Coadiuvato  dai musicisti Samuele  Secci, Massimo Perra e Francesco Contu. Nasce  il cd “A sa luna” con 9 brani inediti  uno dei quali “A sa luna “ è stato sigla della trasmissione televisiva SARDEGNA CANTA.

È autore di vari  supporti fonografici tra cui “Su scrinniu de Campidanu” (1999), “Sulcis e Campidanu” (2000),   “S’arrundili” (2001), Cumbidu (2003), “Basciu e contra” (2005), “Morigus” (2011), “A sa luna” (2011), “Baddai in sa festa” (2012).

Nel 2013 oltre alla attività di “cantadori”, ha presentato nelle piazze lo spettacolo “TRADINNOVAZIONE”.

Il progetto musicale per la rielaborazione delle melodie tradizionali si avvale della collaborazione del gruppo dei NUR. Le composizioni musicali sono la sintesi delle influenze di ogni singolo elemento del gruppo e contengono i sapori prettamente etnici del canto in limba con le tipiche inflessioni delle linee melodiche arabe, il tutto supportato da atmosfere e strutture che richiamano il pop e la musica elettronica contemporanea senza però tralasciare gli aspetti legati alla tradizione pura con dei brani innovativi dal punto di vista musicale infarciti dall’improvvisazione poetica.

A maggio del 2014 è uscito il CD “Rimas” edito da Progeo Edizioni.